Dott.ssa Cristina Lanza - Psicologo Psicoterapeuta Roma - Life & Wellness Coach
389 47 22 180 dott.lanza@gmail.com

Procrastinazione. Lascia Andare, Accetta, Accogli, Sii Presente, Agisci

Tutti procrastiniamo, rimandiamo il fare determinate cose, ma perché? Per paura: paura di fallire, paura che sia qualcosa di difficile, paura di non essere adeguati, paura della confusione che possiamo provare. E da dove viene questa paura? Dal nostro ideale: che le cose debbano essere facili e comode, che tutto debba essere chiaro per procedere.

Confrontarci con qualcosa che, invece, appare impegnativo, complicato ed un po’ confuso ci frena, immaginiamo la fatica ed il tempo che richiederà, ci perdiamo nell’incertezza e nel dubbio di non sapere da dove cominciare e come proseguire. Tutto questo è terrorizzante e questa paura fa sì che la nostra mente si rivolga a cose più facili e distraenti, il più delle volte la tecnologia a nostra disposizione.

Spesso non siamo consapevoli dell’ideale che ci guidatuttavia è lì e ci dice che la vita deve essere facile e comoda, che noi dobbiamo essere sempre competenti, efficaci e di successo. Quando le cose che dobbiamo affrontare non si avvicinano a questo nostro ideale, le evitiamo e le rimandiamo. Troppa è la paura di non corrispondervi. La soluzione? Lasciar andare questo idealeLa vita non deve essere facile, la fatica e lo sforzo sono ciò che permettono di dare valore a quello che facciamo; la vita non deve essere comoda. Quando ci confrontiamo con qualcosa di difficile, uscendo dalla nostra comfort zone, noi cresciamo; non dobbiamo sapere sempre tutto, è proprio quando svolgiamo attività nuove che impariamo cose nuove ed arricchiamo il nostro bagaglio di conoscenze e di abilità, migliorando.

Dobbiamo essere grati per le difficoltà che favoriscono la nostra realizzazione, per il disagio che porta alla crescita, per l’incertezza che porta all’apprendimento. Dobbiamo quindi:

  • accettare che le cose siano difficili e faticose
  • accoglierle ed affrontarle comunque
  • essere presenti in quello che facciamo
  • farlo in questo momento

LASCIA ANDARE, ACCETTA, ACCOGLI, SII PRESENTE, AGISCI.

Una volta abbandonato il nostro comodo ideale ed aver accettato che qualunque obiettivo richiede fatica ed impegno, quali strategie possono aiutarci a smettere di rimandare e ad agire nell’immediatezza?

1 – Analisi delle priorità, o meglio, della priorità. Stabiliamo una scala di importanza per gli impegni che giornalmente ci prefiggiamo di svolgere. Una volta definito quello in cima a tutti, concentriamoci esclusivamente su questo, mettendo temporaneamente da parte gli altri finché non avremo concluso la realizzazione della nostra priorità. Solo a questo punto potranno seguire nell’ordine le altre attività che avremo indicato.

2 – Consapevolezza che la nostra vita è oggi e non in un ipotetico futuro. Il nostro futuro dipende da quello che noi siamo e facciamo oggi. Dunque, rimandare significa non essere mai focalizzati sul presente, non avere mai la padronanza di quello che possiamo costruire nel qui ed ora.

3 – Dove saremo tra cinque anni. Questo lavoro di visualizzazione ci permette sia di visualizzare il nostro miglior futuro, che avremo raggiunto grazie al nostro lavoro presente fatto di impegno e dedizione, sia di visualizzare il nostro peggior futuro che avremo alimentato di pigrizia, indolenza, rinuncia.

4 – Uscita dalla Comfort Zone. Le abitudini sono qualcosa di comodo, familiare, sicuro e questo rende difficile abbandonarle per assumersi la responsabilità di un cambiamento. Tuttavia, se impareremo ad affrontare la paura ed il disagio del nuovo, prefigurandocelo come una fonte di arricchimento e crescita per una migliore versione di noi stessi, allora non troveremo più motivo per procrastinare.

Non aspettare, non arriverà mai il momento perfetto. Inizia con gli strumenti che hai a disposizione. Condizioni migliori si presenteranno lungo la strada. Semplicemente inizia” Napoleon Hill

Articolo liberamente tratto da The One Skill. How Mastering the Art of Letting Go Will Change Your Life 

 

Photo Credits: Pixabay