Dott.ssa Cristina Lanza - Psicologo Psicoterapeuta Roma - Life & Wellness Coach
389 47 22 180 dott.lanza@gmail.com

LIBRANDO: Switch. Come cambiare quando cambiare è difficile

Come promuovere lo “switch (on)” del cambiamento? Ossia quello scatto, quell’accensione che modifica lo stato attuale delle cose per condurlo ad uno stato desiderato.

fratelli Chip e Dan Heath lo spiegano nel loro volume “Switch on. Come cambiare quando cambiare è difficile”. La metafora dell’Elefante – nostra parte emotiva e motivazionale a difesa della routine – e della sua Guida – nostra parte razionale e analitica – che lottano per prendere il sopravvento di fronte alla prospettiva del cambiamento è ben esplicativa delle difficoltà che comporta dar luogo a trasformazioni nella nostra vita.

I cambiamenti sono possibili per tutti e, affinché avvengano con successo, devono seguire uno schema ricorrente che prevede tre interventi specifici:

  1. Definire con chiarezza la direzione del cambiamento. Spesso, quella che può sembrare una resistenza è in realtà una mancanza di chiarezza sulla direzione da seguire. Affinché noi cambiamo, quindi, è importante ricevere o darci istruzioni chiare sulla direzione e la modalità del cambiamento oltre che ricorrere alle “eccellenze”, occasioni in cui il problema non si è presentato oppure è stato facilmente superato. Cercare le “eccellenze” significa chiederci che cosa abbia funzionato in occasioni passate o funzioni nel presente e provare a replicarlo (questo significa influenzare la Guida)

  2. Il cambiamento è spesso difficile perché ci logoriamo in forme di autocontrollo continuo su una vasta gamma di situazioni. Diventa quindi importante stimolare la nostra motivazione e trovare il sentimento, coinvolgere il nostro lato emotivo per avvertire la spinta necessaria al cambiamento (questo significa influenzare l’Elefante)

  3. Perché il cambiamento non soltanto avvenga ma si mantenga nel tempo, occorre modificare il nostro ambienteottimizzandolo, creando nuove abitudini funzionali e vantaggiose, tracciando un percorso semplice e chiaro (questo significa influenzare il Percorso)

Tutto questo, dunque, secondo il linguaggio degli autori si traduce in: indirizzare la Guida, motivare l’Elefante e tracciare il Percorso. In definitiva, a proposito di Elefanti e Guide, per un processo di vero cambiamento è importante coinvolgere entrambi: se ci si rivolge soltanto alla Guida verrà indicata la direzione da prendere ma non si farà leva sulla motivazione; se ci si rivolge soltanto all’Elefante, seppur motivati si rischia di sentirsi persi e disorientati in mancanza di indicazioni chiare. In entrambi i casi si corre il rischio di incorrere in una paralisi dell’azione. Quando, invece, sono coinvolti entrambi, il cambiamento diventa possibile e può essere facilmente intrapreso.

Il libro è scorrevole nella lettura e fa ricorso ad un linguaggio semplice, chiaro e pratico, grazie alla presenza di una serie di esempi che illustrano come, seguendo i tre passaggi chiave, sia stato possibile innescare il cambiamento nella direzione desiderata. Le soluzioni pratiche suggerite rendono questo testo facile da calare nelle situazioni di vita quotidiana.

Se desideri acquistare questo libro, fai clic sul link qui sopra per avere maggiori informazioni. Sito affiliato Amazon. Tutti i libri che ti propongo sono letture fatte direttamente da me e liberamente recensite.